il Pirata Lope de Aguirre

//il Pirata Lope de Aguirre

il Pirata Lope de Aguirre

Ancora oggi il ricordo di Lope de Aguirre detto “el loco, el tirano, el libertador“, persiste : i fuochi fatui che appaiono in Venezuela sono il suo fantasma e quello dei suoi uomini

Molto è stato scritto e molto si è parlato dell ‘”aventura all’equatore ” di Lope de Aguirre …che fece di isla margarita il suo rifugio .

Chiamato … pazzo,  il traditore, il  pellegrino , el Libertador, tra le altre cose. Per   Unamuno era “un disperato consapevole della sua disperazione”- Pio Baroja la sua storia- . Nonostante i loro crimini e atrocità, Aguirre ero quasi divertente “(Le preoccupazioni Andía Xanthi). Ramon J. Mittente, Giovanni Papini, Caro Baroja, Otero Silva, il primo Fernando Savater, Abel Posse, sono stati tra i molti scrittori e saggisti che hanno provato questo personaggio affascinante dopo il film di Werner Herzog ha per noi il volto delirante di Klaus Kinski, un volto che non ci fa dimenticare la fronte aggrottata Omero Antonutti (“Padre Padrone”) nella versione televisiva di Carlos Saura (El Dorado), più ricco, ma ben al di sotto della media.

Anche se per molto tempo, Aguirre è stato tra i “maledetti” della storia, nessuno può sottovalutare la storia di qualcuno che ha viaggiato l’Amazzonia temibile che conduce un gruppo di uomini, tutti vestiti in cosalete e usbergo, che  poco  sanno di  navigazione, su zattere danneggiate. Che ha raggiunto il mare, ha combattuto contro le città del re Filippo II, che ha dichiarato  quella  guerra ingiusta e criminale, che ha creato le città e divenne temuto e rispettato per la sua fierezza e crudeltà che non conobbe più limiti …

La conquista e la colonizzazione dell’America Latina è stata un’avventura ricca di nobiltà e miserie enormi., Il suo obiettivo era l’oro, il possesso e la conversione di un territorio enorme e irto di difficoltà. Nel suo tempo, alla fine del Cinquecento, era come una calamita enorme per tutti coloro che aspirano a diventare ricchi anche a costo di tutti i tipi di sacrifici.  I protagonisti sono stati soprattutto avventurieri, soldati, popolani, missionari sradicati perseguiti … persone in fuga dal mezzo che lo circondava e cercava di trovare qualcosa di diverso, ricchezza, potere, influenza, e, perché no, un altro modo di vivere.

Lope de Aguirre era di un altro calibro. Era ormai  anziano (nato tra il 1511 e il 1515) e aveva incontrato solo frustrazione. Non è chiaro la loro partecipazione alla ribellione di Gonzalo Pizarro in Perù contro la corona, ma è indiscutibile che questa esperienza è stata per lui decisiva e abbia poi alimentata la convinzione che avrebbe potuto essere “denaturato” il  Perù dalla Spagna. Punito dal Sig. Esquivel, non si fermò finché non fu assassinato. Fuggì verniciato di nero, quando era stato condannato a morte. Ha partecipato alla congiura di Sebastian de Castilla in Charcas. Nel 1559 venuto a conoscenza che era concesso   il perdono  a coloro che volevano accompagnare Ursua ecco   che  appare con la figlia Elvira ad arruolarsi.

In queste circostanze si unì alla spedizione   con il viceré del Perù, sotto il comando di Pedro de Navarra Ursua, inviato in cerca di Omagua paese, il mitico El Dorado. In questa occasione si impadronisce dell’ ‘isola di Margarita (luglio 1561) Da lì, Aguirre ha inviato una lettera a Filippo II, pieno di amarezza, delusione e insoddisfazione, che chiama Filippo “minore” e dice:

“Non si può prendere con il titolo di re proprio nessun interesse per queste parti, dove chi non risica, senza prima ricompensa chi ha lavorato …”

lo accusa di avere le mani pulite, mentre altri sono macchiate di sangue della propria ed altrui a loro beneficio. Secoli dopo, Simon Bolivar considerare questa lettera come “la prima dichiarazione di indipendenza del Nuovo Mondo.” Società Aguirre come “Aguirre, il Pellegrino”. Poi proclamato “Principe della libertà dei regni del continente e delle province del Cile” e dichiara guerra alla Spagna .

Quindi prova a venire  dal Perù per terra. Arriva in Venezuela, dove ha preso la città di Valencia e semina il terrore nella regione. Ma il suo mandato è in bilico e l’attrito con gli anacardi sono sempre più frequenti. Le autorità spagnole offrono il perdono a coloro che lo abbandonano, e, quindi, il 27 ottobre 1561 a Barquisimeto, solo e braccato, accoltella la figlia Elvira per non diventare “una cagna e puttana di tutti”.

Due anacardi   lo uccidono. Postumo, è processato e condannato come ribelle e traditore. La sua testa mozzata è esposta in una gabbia di ferro in Tocuyo in  modo che tutti potessero vedere la testa della germinazione  del  male . La sua mano destra è stata inviata a Merida e la sinistra, Valencia (Barquisimeto, Tocuyo, Merida e Valencia sono ormai città venezuelane).

Il resto del corpo fu gettato per sfamare i cani. Le  quattro bandiere utilizzate (due nere, , una gialla e una blu, ciascuna con due spade incrociate e le parole “seguire”) sono state prese come bottino di guerra, e  esposte in Tocuyo insieme alla  testa di Aguirre.

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.